La nuova ERA

Con l’aiuto dello Smart Working le aziende possono iniziare ad operare con il personale collegato in remoto, ma bisogna mettere in protezione sia l’operatore remoto stesso che la sede aziendale.

Ormai la guerra per salvaguardare i dati si è spostata dal proteggere la rete interna a proteggere un perimetro non conosciuto con le complicazioni che vengono a crearsi.

Di conseguenza sono diventati vitali I dischi cifrati in cloud che proteggono i nostri dati e permettono la loro fruizione anche da luoghi esterni alla sede aziendale, e la protezione dei personal computer locali e pc portatili utilizzati in remoto (ultima e più delicata linea di difesa).

Le Vpn ( reti private virtuali) da sole non sono assolutamente sufficienti a proteggere le aziende, in quanto proteggono la comunicazione tra ufficio ed eventuale sede remota, ma non proteggono da eventuali malware ed altri attacchi provenienti dai pc locali e remoti stessi.

Quindi la prima cosa da mettere in conto è quella di installare dei next generation antivirus o Edr che bloccano attacchi sconosciuti e non classificati (Zero Day).

Contemporaneamente eseguire un test  per verificare eventuali furti di credenziali e problematiche attive del cliente in internet e dark web.

Verificare che il firewall sia un next Generation firewall che possa gestire le vpn per il collegamento sede/remoto

 

 

Scrivici a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Visite: 126